TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

CNR NANO

Uno dei principali obiettivi nell’ambito del trasferimento tecnologico all’interno dell’Istituto Nanoscienze-CNR  è di avvicinare le capacità scientifiche e i traguardi tecnologici dei gruppi di ricerca presenti nel nostro Istituto ai settori socio-economici a livello nazionale e internazionale (aziende, enti pubblici, fondazioni pubbliche e private…), facendo che la ricerca svolta all’interno del nostro Istituto si rifletta in un miglioramento del benessere sociale ed economico.

Le attività di trasferimento tecnologico presenti nel nostro Istituto sono rivolte a portare le conoscenze e i risultati della ricerca sul mercato, fungendo da punto di unione tra i gruppi di ricerca all’interno dell’Istituto Nanoscienze e le aziende che richiedono tecnologia, collegando l’offerta tecnologica dell’Istituto con la domanda di business, rispondendo alle esigenze tecnologiche delle aziende attraverso l’individuazione di interessi comuni.

In particolare, oltre alle capacità generali di R&D, sono presenti attività di simulazione/teoria, caratterizzazione/misure e realizzazione di dispositivi. Inoltre, l‘elevato numero di infrastrutture di ricerca ad alto livello tecnologico presenti nei  laboratori dell’istituto, permettono la produzione ed il testing di micro/nanodispositivi basati su semiconduttori, metalli e biomateriali, per applicazioni di sensoristica, elettronica e fotonica, solo per citarne alcune. Inoltre varie attività teoriche e di simulazione guidano e sono di supporto allo sviluppo sperimentale.

L’offerta tecnologica presente nell’Istituto Nano può essere individuata in  5 macroaree di interesse:

–  Nanotecnologie

Le attività di valorizzazione e gestione della proprietà intellettuale sui risultati della ricerca del CNR sono assegnate alla competente ”Struttura Tecnica per la Valorizzazione della Ricerca”, afferente alla Direzione Generale del CNR.